Cos’è il nuovo decreto chiamato bonus latte artificiale 2020

Il governo rende noto che dalla Commissione di Bilancio al Senato è stato approvato un nuovo decreto chiamato bonus latte artificiale. Una parte sempre più cospicua di donne infatti non può allattare al seno e provvedere così al sostentamento del bambino attraverso il latte materno.

Queste donne quindi, oltre a soffrire per problemi patologici, devono anche acquistare il latte, indispensabile per la sopravvivenza del proprio piccolo.

Il latte artificiale ha un costo relativamente alto che non tutte le neo mamme sono in grado di sostenere, soprattutto se vivono una situazione familiare ed economica precaria.

Grazie al bonus latte artificiale il governo cercherà così di aiutare economicamente oltre le neo mamme che hanno messo al mondo un figlio, quante più famiglie possibili.

allattamento e bonus latte artificiale

Come richiedere l’agevolazione per il bonus latte artificiale

Il nuovo decreto emanato dal governo per il sostegno economico da derogare alle mamme che non possono allattare verrà deciso in maniera definitiva e più chiara solo a partire dal mese di marzo 2020.

In questo periodo si cercherà di capire quali saranno i requisiti ISEE fondamentali che le mamme devono possedere per poter beneficiare di tale contributo. Oltre al tenore del reddito si dovrà cercare di capire quali siano le patologie necessarie per potere usufruire del bonus. Tra di queste figurano intanto ipogalattia e agalattia.

Per sapere inoltre come andrà richiesta l’agevolazione per tale contributo statale occorrerà attendere ancora qualche settimana.

Dall’altro lato invece appare abbastanza chiaro che il bonus potrà essere richiesto in primis da tutte le madri disoccupate che non hanno un reddito sufficientemente alto per potersi permettere l’acquisto del latte artificiale.

Sono escluse per certo tutte quelle donne che pur potendo allattare al seno preferiscono acquistare per il proprio bambino il latte artificiale e non sono affette da alcun tipo di patologia.
Naturalmente l’impossibilità di allattare al seno andrà certificata dal medico curante.

Notizie più certe si hanno anche sull’importo massimo, infatti la somma potrebbe arrivare infatti fino a 400 Euro l’anno e potrà essere versata fino al sesto mese di vita del neonato.

L’intero importo dovrà naturalmente essere utilizzato solo ed esclusivamente per acquistare il latte artificiale.