In quest’articolo vi sveliamo tutto sul Bonus latte artificiale 2021. Vi spiegheremo cos’è, quali sono i requisiti per richiederlo e come inoltrare la domanda.

Dal 19 ottobre 2021, le neomamme possono richiedere il Bonus latte artificiale 2021. Il Ministero della Salute ha sottolineato l’importanza dell’allattamento, ma ha ribadito la necessità dei piccoli di beneficiare del latte artificiale, nei casi in cui le neomamme risultino impossibilitate ad allattare.

Continuate a leggere per scoprire cos’è il sussidio per il latte artificiale 2021!

Cos’è il Bonus latte artificiale 2021

L’allattamento, secondo il Ministero della Salute, è la pratica che deve essere prediletta da tutte le neomamme che vogliono nutrire adeguatamente i propri bambini, per il bene della salute di ambo le parti.

Tuttavia, esistono specifiche situazioni che impediscono alle madri di nutrire i propri piccoli con il latte materno.

È in questi casi che entra in gioco il Bonus latte artificiale 2021, che garantisce alle famiglie dei sostituti del latte materno. Questo sussidio è di fondamentale importanza per tutte le neomamme affette patologie croniche o temporanee, che impediscono l’allattamento al seno.

La cifra erogata è pari ad un massimo di 400 euro l’anno: la cifra non è uguale per tutti e varia in base alla Regione o alla Provincia autonoma.

Potrebbe interessarti anche: Superbonus 110%: come funziona, proroga e come ottenerlo

Latte artificiale 2021: tutti i requisiti del bonus

Tutte le neomamme che intendono usufruire del sussidio per il latte artificiale 2021, messo a disposizione in base al decreto del Ministero della Salute, devono possedere i seguenti requisiti:

  • ISEE familiare inferiore ai 30.000 euro all’anno;
  • essere affetta da una patologia certificata, che impedisca l’allattamento. Rientrano tra le patologie sia quelle croniche che quelle temporanee.

Tra le patologie croniche rientrano le seguenti:

  • infezione da HTLV1 e 2;
  • sindrome di Sheehan;
  • alattogenesi ereditaria;
  • ipotrofia bilaterale della ghiandola mammaria (seno tubulare);
  • mastectomia bilaterale;

Tra le patologie temporanee rientrano, invece:

  • infezione da HCV con lesione sanguinante del capezzolo;
  • HSV con lesione erpetica sul seno o capezzolo;
  • infezione ricorrente da streptococco di gruppo B;
  • lesione luetica sul seno;
  • tubercolosi bacillifera non trattata;
  • mastite tubercolare;
  • infezione da virus varicella zooster;
  • esecuzione di scintigrafia;
  • assunzione di farmaci che controindicano in maniera assoluta l’allattamento;
  • assunzione di droghe (escluso il metadone);
  • alcolismo.

Tutte le patologie devono essere certificate da uno specialista del Servizio sanitario nazionale (SSN). Nel caso si risultasse affette da patologie temporanee, bisognerebbe certificarle con cadenza mensile.

Il sussidio per il latte artificiale 2021 può essere richiesto anche dai familiari del neonato, nel caso di morte prematura della madre.

Come richiedere il Bonus per il latte artificiale nel 2021

Chi possiede i requisiti per richiedere il Bonus latte artificiale 2021, dovrà munirsi di

  • una documentazione attestante la situazione economica familiare ISEE;
  • un certificato medico che attesti la presenza della condizione patologica cronica o temporanea Tutti
  • una prescrizione del latte formulato da parte di uno specialista del Servizio sanitario nazionale (SSN).

A quel punto sarà possibile presentare la domanda all’azienda sanitaria locale (ASL) di appartenenza.

Continuate a seguirci per rimanere sempre aggiornati sulle ultime agevolazioni per il cittadino!