Scopriamo insieme cos’è il Bonus partite iva 2021, come si calcola il contributo, a chi spetta e come richiederlo.

Per agevolare le partite iva e aiutarle ad affrontare lo scoglio della pandemia, l’Agenzia delle Entrate ha emanato un provvedimento che consente la fruizione del “contributo a fondo perduto perequativo introdotto dal Decreto Sostegni-bis”. Si tratta del Bonus partite iva 2021.

Il 2021, come del resto anche il 2020, infatti, è stato un anno complesso per i possessori di partita iva. C’è, infatti, chi ha fatturato molto meno rispetto ai periodi precedenti a causa dell’emergenza sanitaria che sembra non voler cessare.

Questo contributo consente ai liberi professionisti e alle società italiane di ottenere fino a 150mila euro. Scopriamo insieme quali sono i requisiti per riceverlo e qual è la procedura da seguire.

Bonus partite iva 2021: i requisiti per richiederlo

Il Bonus partite iva 2021 è un contributo che liberi professionisti e società possono richiedere in presenza di determinati requisiti.

Nello specifico, “il risultato economico d’esercizio, relativo al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020, deve essere inferiore almeno del 30% rispetto al risultato economico d’esercizio relativo al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019”.

Il contributo, inoltre, è pensato dal Decreto Sostegni-bis “per gli esercenti attività d’impresa, arte e professione o che producono reddito agrario, titolari di partita IVA residenti o stabiliti nel territorio dello Stato”.

Un altro requisito è che, “nel secondo periodo di imposta antecedente al periodo di entrata in vigore del decreto, abbiano conseguito un ammontare di ricavi o di compensi non superiore a 10 milioni di euro”.

Non possono ottenere il bonus gli enti pubblici, gli intermediari finanziari e le società di partecipazione.

Possono riceverlo, invece, gli enti non commerciali, anche quelli del terzo settore e quelli religiosi civilmente riconosciuti.

Potrebbe interessarti: Bonus Natale 2021 fino a 1400 euro: cos’è, a chi spetta e come richiederlo

Come si calcola il contributo per le partite iva

Per calcolare l’ammontare del contributo, bisogna applicare “una percentuale variabile alla differenza tra il risultato economico d‘esercizio del periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019 e il risultato economico di esercizio del periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020”.

Ecco la tabella da seguire per il calcolo del contributo:

  • un ammontare del 30% nel caso di ricavi e i compensi dell’anno 2019 inferiori o pari a 100.000 euro;
  • 20% per quelli compresi fra 100.000 e 400.000 euro;
  • 15% per quelli compresi fra 400.000 e 1.000.000 di euro;
  • 10% per quelli compresi fra 1.000.000 e 5.000.000 di euro;
  • 5% per quelli compresi fra 5.000.000 e 10.000.000 di euro.

L’importo del contributo non può essere superiore ai 150mila euro.

Come inoltrare la domanda

Inoltrare la domanda per ottenere il Bonus partite iva 2021 è davvero molto semplice.

La richiesta può essere avanzata entro il 28 dicembre 2021 presso il sito dell’Agenzia Delle Entrate, che potete visitare cliccando su questo link.

Cosa aspettate? Affrettatevi a inoltrare la domanda, perché la data di scadenza si sta avvicinando. Nel frattempo, vi invitiamo a continuare a seguirci per non perdervi tutte le agevolazioni per il cittadino.