Una nuova agevolazione verrà introdotta a breve per tutti quei genitori separati o divorziati che hanno subito delle gravi perdite economiche durante il periodo della pandemia.

Già in passato era quasi stata introdotta questa agevolazione dal Decreto Sostegni, ma non era mai diventata concreta per la mancanza del decreto attuativo.

Questa volta però ci sono tutti i chiarimenti richiesti, primo su tutti il criterio secondo cui il genitore in difficoltà può richiedere il bonus. In questa semplice e veloce guida vediamo insieme tutte le novità sul bonus per genitori separati. L’ufficialità arriverà con l’approvazione del disegno di legge di conversione del Decreto Fiscale.

A chi è destinato il bonus genitori separati?

L’agevolazione è destinata al genitore separato o divorziato che è in difficoltà a versare l’assegno di mantenimento per il figlio o i figli all’ex coniuge con cui i minori vivono.

Possono richiederlo tutti i genitori lavoratori che a causa della pandemia hanno cessato o sospeso per un minimo di 90 giorni la propria attività. Questa problematica si deve essere presentata dopo l’8 Marzo 2020.

Un’altra motivazione, oltre a quella spiegata relativa ai 90 giorni di sospensione, può essere la contrazione del reddito di almeno il 30% rispetto a quello percepito nel 2019 che non rende più possibile così il versamento dell’assegno di mantenimento.

Un fattore importante è che il decreto parla di bonus destinato a genitori o coniugi o conviventi. Di conseguenza è possibile richiederlo e usufruirne anche per tutti i genitori che non si sono mai sposati.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Natale 2021 fino a 1400 euro: cos’è, a chi spetta e come richiederlo

Spese ammesse

Quest’agevolazione verrà finanziata dallo Stato tramite 10 milioni di euro per tutto il 2021.

L’unica spesa che copre questo bonus è relativa al versamento dell’assegno di mantenimento per tutti i genitori separati in difficoltà economica. Non vengono prese in considerazione tutte le spese che spettano tra i due ex coniugi in seguito ad una separazione o un divorzio.

Il bonus è integrativo e può arrivare fino a 800€, quindi se un genitore riesce a sostenere solo 400 euro degli 800 previsti, il bonus andrà a colmare quella mancanza.