Scopriamo insieme tutto sul Sisma Bonus 2022, un’agevolazione che ti consentirà di trasformare la tua abitazione in una casa antisismica.

Avrai sicuramente sentito parlare delle agevolazioni messe a disposizione dalla Legge di Bilancio del 2018, tra le quali compare anche il Sisma Bonus 2022.

In quest’articolo ti sveleremo tutti i dettagli del beneficio che permetterà alle famiglie italiane di mettere in sicurezza la propria casa entro il 2022.

Sisma Bonus 2022: cos’è e in cosa consiste

Il Sisma Bonus 2022 è un’agevolazione pensata dalla Legge di Bilancio 2018, che conferma le detrazioni sui lavori di messa in sicurezza antisismica per tutti gli edifici, sia privati che relativi alle attività produttive.

Una struttura può essere adeguata da questo punto di vista sia per ragioni di sicurezza che per aumentarne il suo valore sul mercato immobiliare.

L’agevolazione consiste nel supporto economico per gli interventi di ristrutturazione degli immobili che si trovano nelle principali zone sismiche del nostro Paese.

Sono comprese anche le spese per la classificazione e la verifica sismica degli immobili.

La detrazione prevista dalla Legge di Bilancio del 2018 viene calcolata su un ammontare di 96 mila euro per unità immobiliare e viene restituita in 5 quote annuali di pari importo.

L’agevolazione base è del 50%, ma può arrivare anche all’85%.

Potrebbe interessarti anche: Bonus prima casa under 36: obiettivi, requisiti, vantaggi e come richiederlo

Come rendere la casa antisismica

Per rendere la casa antisismica bisogna innanzitutto partire dalla consultazione della classificazione sismica del territorio italiano.

L’Italia, infatti, è divista in quattro zone, che si distinguono per la loro criticità sismica. Vediamole insieme:

  • Zona 1: intensità sismica alta, quindi c’è una grande possibilità che si verifichino forti terremoti;
  • Area 2: intensità sismica media, possibilità di terremoti abbastanza forti;
  • Zona 3: intensità sismica bassa, presente in territori interessati da scosse modeste;
  • Zona 4: intensità sismica molto bassa, con scosse impercettibili.

Dopo aver stabilito in quale zona si trova la struttura che si vuole rendere antisismica, bisogna intervenire con un sopralluogo da parte di una ditta specializzata.

Per rendere una struttura antisismica, bisogna intervenire sui muri attraverso l’inserimento dei tiranti e del reticolo con i nastri metallici, e la realizzazione di un muro in cemento armato, che migliorano la resistenza delle pareti;

è necessario, inoltre, intervenire sui pilastri con l’inserimento degli isolatori sismici, in grado di ammortizzare il movimento generato dalle scosse;

e infine sui solai, con l’inserimento dei cordoli di sicurezza.

Come usufruire delle detrazioni previste dal Sisma Bonus 2022

L’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione l’elenco dei documenti necessari per usufruire delle detrazioni in questione. Scopriamoli insieme:

  • una comunicazione all’Azienda sanitaria locale, nella quale è inserita anche la data di inizio dei lavori di ristrutturazione;
  • abilitazioni o autocertificazioni che attestino data, tipologia di lavori e detraibilità delle spese sostenute;
  • bonifico bancario o postale, da cui risultino la causale del versamento, il codice fiscale o la partita iva del beneficiario della detrazione e tutti i dati del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico;
  • fatture che dimostrino la spesa per gli interventi di ristrutturazione;
  • in caso di condominio, autocertificazione dell’amministrazione che attesti la corrispondenza della somma da parte del condomino;
  • autocertificazione che attesti che la detrazione da parte di tutti gli aventi diritto non ecceda il limite massimo ammissibile;
  • copia dell’asseverazione della classe di rischio dell’edificio;
  • copia dell’attestazione della conformità degli interventi da eseguire.

Richiederai anche tu l’agevolazione per ristrutturare la tua casa e renderla antisismica? Faccelo sapere e nel frattempo continua a seguirci per non perderti tutte le agevolazioni per il cittadino!